E se un giorno smettesse di piovere?

“Il fiume Shebeli oggi è meno di un quarto di quello che era dieci anni fa. Se un tempo aveva una delle maggiori portate della regione, oggi i bambini riescono a giocare a pallone nel suo letto. La siccità sta comportando gravi rischi sia per la popolazione, che per la flora e la fauna della Somalia.”

Riccardo Bubbolini – Cooperante CEFA in Kenya e Somalia

Riccardo è l’agronomo di CEFA che lavora nel Corno d’Africa da oltre dieci anni e ci racconta l’emergenza che tutta l’area sta vivendo

Sono 13 milioni infatti le persone che tra Etiopia, Somalia e Kenya ogni giorno si svegliano affamate, soffrendo la più grande siccità nell’area dal 1981 (WFP). Sono mancate le ultime tre stagioni delle piogge, i raccolti sono andati perduti e il bestiame si ammala o muore per mancanza di acqua. Intere famiglie stanno abbandonando le proprie case alla ricerca di acqua e cibo, scatenando migrazioni interne e conflitti per le terre.

Questa crisi non inizia oggi. Sono anni che le comunità devono resistere alle peggiori conseguenze del cambiamento climatico, ed oggi i segnali sono sotto gli occhi di tutti.

“Non è un’emergenza nata oggi, ma è chiaro che oggi servono risorse aggiuntive per riuscire a fronteggiarla. Il punto che abbiamo raggiunto è critico, per questo è fondamentale continuare a lavorare al fianco delle comunità in Kenya, Somalia ed Etiopia con i nostri progetti agricoli e di accesso all’acqua per costruire resilienza climatica e garantire l’accesso al cibo.”

Luciano Centonze – Direttore CEFA Onlus

Lavoriamo infatti fra Kenya, Etiopia e Somalia, per portare risposte concrete alle peggiori conseguenze della crisi climatica. Alluvioni, invasioni di locuste e siccità hanno messo a dura prova il Corno d’Africa ed oggi la necessità di portare avanti queste attività è fondamentale per salvaguardare le comunità.

Il nostro desiderio è portare sicurezza alimentare a tutta la regione del Corno, attraverso progetti di sviluppo che garantiscono formazione, attrezzi, sementi agli agricoltori e alle agricoltrici locali.

Luciano Centonze – Direttore CEFA Onlus

In Somalia CEFA fronteggia gli effetti della desertificazione attraverso la piantumazione di palme da dattero. In Kenya sono stati distribuiti 10.000 alberi di mango e i piccoli agricoltori ricevono formazione costante per migliorare la produttività dei loro campi garantendo così una sana alimentazione e un sostegno economico alle loro famiglie. 

In Etiopia 650 contadini ricevono kit agricoli e attraverso fattorie modello sperimentano nuovi sistemi di irrigazione con impianti goccia alimentati ad energia solare.

Il nostro intervento, nel rispetto dell’ambiente, favorirà migliori produzioni, maggiore varietà e una nutrizione più sana e completa. Le risorse economiche destinate a queste aree sono scarse, così come l’acqua, ma continueremo a testare nuovi sistemi agricoli e a cercare nuove opportunità.

Luciano Centonze – Direttore CEFA Onlus

Aiutaci a fronteggiare l’emergenza nel Corno d’Africa
Cambia il futuro di intere famiglie contadine

Guarda l’intervista di TV2000 al nostro cooperante in Somalia Fulvio Giberti!