• DOVE: ETIOPIA, Distretti Chiro, Habru, Daro Lebu e Mieso
  • DURATA: 21 mesi
  • BENEFICIARI:  3.400 cittadini dei Distretti Chiro, Habru, Daro Lebu e Mieso di cui almeno il 50% sono donne
  • DONATORI: AICS
  • PARTNER: CISP (Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli), CIAI (Centro Aiuti All’Infanzia), CCM (Centro Collaborazione Medica), CIFA (Centro Internazionale per la Famiglia e per l’Infanzia), LIVEADDIS, OPRIFS (Organization for prevention, rehabilitation and integration of female street children).

Titolo originale del progetto: Promuovere la coesione sociale in ETIOPIA: Opportunità, Protezione e Impiego per Returnees, Minori e Potenziali Migranti (HOPE) AID 11548

Il contesto

Gli alti tassi di disoccupazione che colpiscono l’intero paese, le scarse prospettive di occupazione, le difficoltà del lavoro agricolo legate al cambiamento climatico e la scarsità di terre arabili sono tra le cause che spingono più spesso i giovani a lottare per nuove opportunità all’estero. Le pressioni e le aspettative delle famiglie contribuiscono anche alla scelta della partenza, che, sulla base dei rari casi di successo, vede l’emigrazione come una possibilità di reddito per l’intera comunità, attraverso le rimesse.

Il nostro obiettivo

Il progetto pone l’accento sulla responsabilità collettiva nella prevenzione dei fenomeni migratori irregolari attraverso la maturazione di una maggiore coesione sociale nelle aree di riferimento con attività di informazione/formazione, protezione delle fasce a rischio, sostegno ai servizi di base e creazione di nuove opportunità di reddito. Si punterà quindi a rafforzare la consapevolezza e contribuire alla lotta al traffico e allo sfruttamento di persone nella rotta migratoria verso l’est dell’Etiopia migliorando la protezione e le opportunità di reddito dei migranti, disincentivando la partenza irregolare e favorendo una migliore gestione delle questioni migratorie.

Il nostro intervento

All’interno del progetto, CEFA si è occuperà in particolare della creazione di 2 cooperative per la produzione e commercializzazione del “berbere” e del sapone e di beni di largo consumo sia per il mercato nazionale che per quello locale.

 

1