1 milione di visualizzazioni per la campagna social che contrasta la diffusione del virus in Tunisia

11 le illustrazioni firmate da Claudio Calia


Il fumetto è il linguaggio scelto da CEFA per sensibilizzare la popolazione tunisina, superando barriere linguistiche e fenomeni di analfabetismo.

La mano è quella del fumettista Claudio Calia uno tra i principali autori italiani di Graphic Journalism.

Già attivo insieme a CEFA a Rabat in Marocco e in quattro governatorati della Tunisia, nell’ambito del progetto Jasmin Tunisie, in collaborazione con Overseas Onlus.

E’ stato proprio lui a ritrarre una serie di comportamenti responsabili al fine di scongiurare la diffusione del contagio.

11 le precauzioni da osservare per debellare il contagio da Coronavirus: dal lavarsi spesso le mani all’indossare la mascherina nei posti pubblici al chiuso.

Un fitto lavoro di documentazione, che lo ha portato a realizzare 11 vignette, ricostruendo l’ambiente e la quotidianità in Tunisia, nel rispetto delle consuetudini del paese e in linea con i provvedimenti adottati dalle istituzioni nazionali.

Le illustrazioni – online sui presidi digitali di CEFA Tunisia – sono stati visualizzate oltre 1 milione di volte nei primi 5 giorni, oltre 400.000 invece le persone intercettate dalla campagna.

Una narrazione in doppia lingua scandita da una doppia pubblicazione su base giornaliera all’interno della pagina facebook CEFA – Tunisia.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati della campagna”, ci racconta la caprogetto Chiara Angeli “La popolazione tunisina ha risposto bene – fino ad ora – alle misure di contenimento e i numeri dei contagi sono piuttosto limitati. Ma la fragilità del sistema sanitario nazionale e la sua impossibilità di far fronte ad una eventuale impennata in stile europeo ci impongono di non abbassare la guardia. La prevenzione continua ad essere fondamentale”.

Il nostro impegno

All’interno del paese non finisce il nostro impegno per contrastare la diffusione del COVID-19.

E’ in programma la creazione di un collage, che raggruppi tutte le immagini, da stampare in formato cartaceo.

I poster saranno poi affissi dai volontari dei coordinamenti locali nelle zone più isolate, dove l’informazione e la connessione internet sono scarse, e nelle regioni con il maggior tasso di analfabetismo (19% della popolazione il tasso nazionale).


CEFA continua ad essere operativa  per evitare la diffusione del contagi.

Aiutaci anche tu !

DONA ORA