Nelle sua attività in Marocco, il CEFA ha ripreso la sua collaborazione con Cantieri Meticci in un atelier di teatro che si é svolto a Casablanca tra il 28 novembre e il 6 dicembre. Il laboratorio è stato realizzato all’interno del progetto SAFAE et la Démocratie, finanziato dall’ Unione europea e della Regione Emilia Romagna, che mira a promuovere la parità di genere e l’integrazione dell’approccio di genere nelle politiche pubbliche, ed è stato inserito nella campagna internazionale contro la violenza di genere “Orangez vous”, promossa da ONUFemmes.

Il laboratorio ha coinvolto 30 persone tra team di progetto e membri delle associazioni partner (ADFM, RADRA, Annakhla, ABMDH, Bassin Guir et Anahda Figuig). Con la facilitazione di Pietro Floridia di Cantieri Meticci e di Abdelhkim Achak, attore e direttore dell’associazione marocchina Maroc Volontaires, il teatro è stato usato per affrontare i temi della mascolinità positiva e del superamento degli stereotipi di genere. Il gruppo ha lavorato insieme creando, attraverso la facilitazione del teatro, delle microrappresentazioni di stereotipi di genere radicati nella cultura marocchina e proponendo strumenti per il loro superamento in modo creativo e positivo. Questi momenti sono stati anche l’occasione per una riflessione tra i partecipanti che ha creato un forte legame tra i membri di un gruppo che é normalmente separato da grandi distanze geografiche.

Nella giornata finale del 6 dicembre si è tenuta un rappresentazione pubblica per condividere i risultati del laboratorio. Vi hanno partecipato le rappresentanti di ONUFemme e dell’Association Démocratique des Femmes au Maroc (ADFM), partner del progetto SAFAE et la Démocratie, e due rappresentanti del comune italiano di Valsamoggia, esempio virtuoso di integrazione dell’approccio genere nelle politiche pubbliche: Angela Paola di Pilato, assessore per le pari opportunità, e Arash Bahavar, referente per le pari opportunità.