Da tempo abbiamo uno slogan che dice “il CEFA c’è e fa”. Nei paesi in cui lavoriamo, facciamo per la pace perché sappiamo che la pace è la precondizione per ogni idea di cooperazione, sviluppo e futuro. Dove la pace non c’è, va riportata, e per farlo bisogna esserci.

In questo momento di conflitto così forte e terribile in Medio Oriente, dove si fatica a vedere una via di uscita, abbiamo deciso di prendere parte al Pellegrinaggio di Pace e Comunione in Terra Santa insieme alla Chiesa di Bologna e il Cardinale Matteo Zuppi dal 13 al 16 giugno. Vogliamo insieme testimoniare la possibilità di dialogo e di confronto tra israeliani e palestinesi, e l’unico modo per farlo è esserci. Per questo ci muoviamo insieme alle associazioni a tutti e tutte voi che ci sostenete: perché la pace non è una cosa per pochi, ma una cosa per tutte e tutti.

La comunità di Bologna si muoverà in questa direzione, rappresentando un popolo di pace. Non possiamo non pensare in questa occasione ai 496 costruttori di pace che nel 1992 presero parte alla marcia per la pace a Sarajevo, del quale fu promotore il nostro fondatore recentemente scomparso Padre Angelo Cavagna, insieme a Don Tonino Bello.

Per onorare la memoria di Padre Angelo, e rendere omaggio alla sua vita dedicata alla pace, questo martedì 28 maggio alle 16:30 ci incontreremo presso il Collegio Missionario Studentato per le Missioni di Bologna, dove si terrà un momento di ricordo, racconti e testimonianze. Alle ore 18:30 poi si celebrerà la messa di trigesimo.

Questo momento di ricordo, insieme al pellegrinaggio in Terra Santa, sono due occasioni a cui prenderemo parte per onorare e portare avanti il messaggio di Padre Angelo. Continueremo a coltivare il seme della solidarietà che ha piantato più di 50 anni fa, impegnandoci ogni giorno per esserci.

Un saluto di pace,
Raoul Mosconi – Presidente CEFA

Se non puoi partecipare, scrivici il tuo ricordo di Padre Angelo Cavagna, lo leggeremo insieme durante la cerimonia.