DONA ORA

La riapertura dopo il lockdown

Lunedì 23 giugno, dopo 3 mesi di lockdown totale, in Tanzania hanno riaperto le scuole, e così anche gli studenti della scuola agraria di Dabaga (Kilolo, Tanzania), che sosteniamo con la campagna “Un dono da coltivare”, sono rientrati dopo un periodo trascorso presso le proprie famiglie.

L’esame di fine corso 

A breve i ragazzi dovranno sostenere gli esami di fine corso, sono tutti molto impegnati nello studio e non ci nascondono un po’ di preoccupazione: in questo periodo hanno molto intensificato studio e lezioni per recuperare il tempo perso.

Abbiamo chiesto loro come hanno vissuto il periodo di emergenza COVID-19, e come è cambiata la vita nei loro villaggi. All’unisono ci raccontano che in tutti i loro villaggi si viveva una grande paura, tutti indossavano mascherine ed evitavano contatti con altre persone se non strettamente necessari, il che ha comportato un peggioramento delle già precarie situazioni economiche.

La testimonianza di uno studente

Isaya Israel, studente dell’ultimo anno, ci racconta: “Applicare le misure di sicurezza per ridurre il rischio di contagio da coronavirus ha profondamente cambiato il modo in cui vivevamo prima dell’emergenza: quando sono tornato a casa per il periodo di “quarantena” ho visto molta paura negli occhi dei miei familiari ogni volta che dovevano incontrare altre persone del villaggio, infatti hanno ridotto il numero di visite ad altre famiglie, e anche le uscite per vendere al mercato i nostri prodotti agricoli. Il risultato di questa paura però è stato un peggioramento della situazione economica famigliare”.

E aggiunge “Spero che le preghiere mie e della mia famiglia siano state di sollievo a chi ha sofferto per questa malattia in Tanzania e in tutto il mondo.  Vorrei ringraziare in particolare Fra Paolo che è sempre stato attento a come stavamo io e tutti gli altri studenti e che, il giorno della riapertura dei corsi, ci ha accolto con un grande abbraccio “spirituale”.

CEFA continua ad essere operativa  per evitare la diffusione del contagi.

Aiutaci anche tu !

DONA ORA