Cefa Onlus

Dove siamo

Print Send to a friend

COME OPERIAMO

Gli interventi di CEFA si ispirano al principio di piena responsabilità dei beneficiari e di efficacia duratura dei progetti. CEFA esclude dalle proprie azioni progetti di puro assistenzialismo, interventi cioè che non prevedono il coinvolgimento attivo dei beneficiari e la formazione di persone del luogo capaci di gestire responsabilmente il progetto prolungandone nel tempo la sostenibilità.
Anche quando si sono create situazioni di interventi di emergenza, CEFA ha sempre cercato di coniugare l'urgenza dell'assistenza immediata con un'impostazione rivolta alla riabilitazione che duri nel tempo.
 
 
*

ECUADOR

Quasi la metà della popolazione, 8 milioni, vive sotto la soglia di povertà. I pochi ricchi detengono il potere politico e svendono le risorse del paese alle multinazionali. Tra qeste il petrolio è sfruttato da imprese estere, senza che i benefici migliorino la vita degli ecuadoriani che è anzi peggiorata dall'inquinamento ambientale che ne deriva e per il quale sono scesi in piazza molti, soprattutto gli indigeni, che chiedono il rispetto dei loro territori ancestrali.

LEGGI TUTTI I PROGETTI
 
 
*

GUATEMALA

La metà della popolazione è in precarie condizioni di crescita, difficoltà di apprendimento e soggetta a qualsiasi tipo di malattia. Diversi ne sono i fattori:lo scarso livello educativo, la resistenza al cambio di abitudini anche culturali, il paternalismo al quale le comunità sono abituate, le famiglie numerose che arrivano fino a 12 figli con redditi insufficienti per sostenerli tutti.

LEGGI I PROGETTI
 
 
*

MOZAMBICO

Base dell’economia del Mozambico è l’agricoltura, che interessa l’80% della popolazione. E' un paese molto ricco di acqua, carbone e altre risorse minerali. Nonostante questo, il Mozambico non è ancora riuscito a sanare la grave situazione ereditata dal suo recente passato dovuta alla lunga guerra civile. I tradizionali fattori di sottosviluppo sono l'analfabetismo, la carenza di investimenti, la mancanza di capitali.
 
 
*

MAROCCO

Nonostante nell’ultimo decennio il Marocco abbia visto crescere il proprio PIL e il tasso di povertà sia calato nelle città, anche grazie alle rimesse dei marocchini del mondo, la povertà non è stata vinta e rimane endemica nelle zone rurali dove deficit infrastrutturali, poche opportunità di lavoro e difficoltà d'accesso al credito sono le principali cause di esodo da parte dei giovani che cercano fortuna nelle città o all'estero.

LEGGI TUTTI I PROGETTI
 
 
*

KENYA

E' una repubblica con oltre 42 milioni di abitanti, paese ricco di contraddizioni, dove al benessere di pochi si contrappone la miseria di molti e dove circa il 50% della popolazione vive sotto la soglia di povertà trovandosi al 147 posto (su 180) per lo sviluppo umano.

LEGGI TUTTI I PROGETTI
 
 
*

SOMALIA

Oltre che uno dei più poveri, la Somalia è considerata una dei paesi africani più violenti, dove da circa 25 anni si protrae una efferata guerra civile. Attualmente è governata da una pluralità di entità statali più o meno autonome, che esercitano ciascuna un diverso grado di controllo del territorio. La Somalia è il terzo paese al mondo con il più elevato tasso di mortalità materna, muoiono ogni anno 211 bambini su 1.000 al di sotto dei cinque anni.

LEGGI TUTTI I PROGETTI
 
 
*

SUD SUDAN

Nato solo a metà 2011, il 90% della popolazione vive sotto la soglia di povertà. Il paese dipende quasi esclusivamente dagli aiuti esterni. Il 98% del budget annuale deriva dalle rendite petrolifere, a causa delle quali ancora oggi il paese è instabile e insicuro. Dal 2005 il paese ha ricevuto oltre 4 miliardi di dollari come aiuto estero. Sono elevate le spese per il mantenimento dell’esercito, mentre industria e infrastrutture ancora in attesa di sviluppo. Quasi inesistenti sono le strade asfaltate (60 km). Leggi tutti i progetti di CEFA in Sud Sudan.

LEGGI TUTTI I PROGETTI
 
 
*

TANZANIA

Nel paese con i parchi tra i più belli dell'Africa, l'indice di sviluppo umano è tra gli ultimi della graduatoria mondiale. Qui una ristretta élite detiene una quota immensa del potere e della ricchezza a danno della maggioranza della popolazione, con un PIL pro capite di circa 500 $ USA (2008). Un difficile problema politico-economico, comune a tutta l'Africa, rimane il fenomeno della corruzione, presente in forma endemica negli apparati amministrativi dello stato.

LEGGI TUTTI I PROGETTI
 
 
*

TUNISIA

Quasi inaspettatamente, dalle ceneri del paese, culla delle rivoluzioni arabe d'inizio decennio, si è levato un vento di laicità. Una svolta che potrebbe segnare un'epoca per la Tunisia e per le altre nazioni del Maghreb, scivolate nel caos tribale o alle prese con regimi di stampo militare, dopo la stagione delle rivolte e delle grandi aspettative. 

LEGGI TUTTI I PROGETTI
cefaonlus.it
Copyright 2009 Cefa Onlus
Privacy policy Credits

CEFA Onlus, Via Lame 118 - 40122 Bologna
Tel. 051520285 - Fax 051520712
info@cefaonlus.it - C.F. 01029970371